Emergenza sanitaria: nessuna proroga dell’anno scolastico


Emergenza Coronavirus: ‘Nessuna proroga dell’anno scolastico a luglio se la didattica a distanza funziona’

da Tuttoscuola – 28/3/2020

Scuole chiuse oltre il 3 aprile e rientro ancora a data da destinarsi. “Il nostro obiettivo è garantire che gli studenti tornino a scuola solo quando sarà sicuro”. Lo ha affermato la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a ‘La vita in diretta’. “Si tornerà a scuola solo quando le autorità sanitarie diranno che si può rientrare e non prima – ha ribadito- la priorità è la salute degli studenti e del personale scolastico”.

Ancora domande sull’esame di maturità che vedrà gli studenti valutati da commissari tutti interni con presidente esterno. “Presto tutte le informazioni agli studenti”, ha detto la Ministra.

Ammissione con il 5 un favore ai meno volenterosi? Io non ho mai detto nulla del genere. I nostri insegnanti stanno lavorando in una situazione complessa, ancora di più di quanto già non facessero normalmente.

Nessuna proroga dell’anno scolastico a luglio. “Se la didattica a distanza funziona non ce ne sarà alcun bisogno – ha dichiarato Azzolina -. Se poi ce ne sarà la necessità, questo si farà in un secondo momento. Fare scenari ora su luglio e agosto sarebbe da irresponsabili in questo momento. Su questo voglio tranquillizzare famiglie e studenti”.

 

Azzolina: “Scuole chiuse oltre il 3 aprile. Presto altre novità su maturità”

Tecnicadellascuola - 27/03/2020 – Andrea Carlino

Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è stata ospite della trasmissione televisiva “La Vita in diretta” in onda su Rai Uno.

“Sicuramente ci sarà una proroga: si andrà oltre la data del 3 aprile, l’obiettivo è garantire che gli studenti ritornino a scuola quando stra-certo e stra-sicuro che possono tornare salute è prioritario. Notizie sulla didattica a distanza a luglio non hanno alcun fondamento: significherebbe dire che il personale della scuola non sta lavorando e non è così. Se la didattica a distanza funziona come sta funzionando non c’è alcun motivo per andare a luglio o agosto: le strutture scolastiche non sono idonee tra l’altro. Se ci sarà necessità lo si farà in un secondo momento. Scenari troppo oltre sono irresponsabili, bisogna guardare gli scenari attuali e poi assumere decisioni”.

Sulla maturità: “Sì, commissione con soli membri interni e solo presidente esterno. Voglio tranquillizzare gli studenti. Stiamo lavorando per fargli fare un esame serio e nelle migliori condizioni. Nel giro di pochi giorni daremo tutte le info e novità su maturità e anche sull’esame di terza media”.

A chi doveva essere rimandato, ha continuato la ministra, “si permetterà di recuperare gli apprendimenti, laddove fosse necessario. Sono decisioni che stiamo vagliando sulla base di quando e se si tornerà a scuola. Esiste l’autonomia scolastica, i docenti conoscono molto i loro studenti. Il percorso di uno studente è lungo, se parliamo dei maturandi è iniziato 5 anni fa, gli apprendimenti degli studenti i docenti sanno valutarli”.

VIDEO

 

 

 
Salva Segnala Stampa Esci Home