Consulenza soci


Queste pagine riservate unicamente ai soci in regola con l'iscrizione   sono strumento di consulenza da parte dell’associazione e occasione di confronto sui problemi legati sull'attività professionale, oltre che scambio di esperienze e consigli.

"Dirigere e organizzare" riguarda la gestione organizzativa ed amministrativa.

"Progettare la didattica" riguarda soluzioni o problemi per l'Offerta Formativa e dell'attività didattica in genere.

Clicca qui sotto per entrare nel Forum, porre i tuoi quesiti o scambiare problematiche. Riceverai negli spazi del tuo intervento le risposte richieste.

 

 Servizio di consulenza e scambio
Crea un dibattito
 Dirigere e organizzare
 6 giorni di ferie motivi personali docenti (art. 13 c. 9 e art. 15 c. 2 CCNL)
   Risp:
 6 giorni di ferie motivi personali docenti (art. 13 c. 9 e art. 15 c. 2 CCNL)
Chiedo se sia possibile concedere ai docenti con contratto a tempo indeterminato giorni di ferie per motivi personali o familiari, alla luce di quanto stabilito dall’art. 1 commi 54,55e 56 della legge 228/2012. Alcuni sindacati affermano che le disposizioni della legge 228/2012 non riguardano l’istituto delle ferie per motivi personali (art. 15 c. 2 CCNL), ma le ferie in generale. A mio parere, la norma disapplica dal 1 settembre 2013 tutte le clausole contrattuali più favorevoli sulla specifica materia. Ad ogni modo chiedo se, a parte le affermazioni sindacali, ci siano stati chiarimenti ufficiali. Grazie per la risposta
 Nome: Ornella 
 Cognome: Scaringi 
 e-mail: ornellasc@alice.it 
 Data: mercoledì 16 aprile 2014 
Rispondi
 Risp:
La norma in questione (art. 1, c. 54, l. 228/12) dice: 54. Il personale docente di tutti i gradi di istruzione fruisce delle ferie nei giorni di sospensione delle lezioni definiti dai calendari scolastici regionali, ad esclusione di quelli destinati agli scrutini, agli esami di Stato e alle attività valutative. Durante la rimanente parte dell'anno la fruizione delle ferie e' consentita per un periodo non superiore a sei giornate lavorative subordinatamente alla possibilità di sostituire il personale che se ne avvale senza che vengano a determinarsi oneri aggiuntivi per la finanza pubblica. La condizione posta mi pare molto tassativa. Saluti
 Nome: Giuseppe 
 Cognome: Mariani 
 e-mail: webmaster@disal.it 
 Data: sabato 14 giugno 2014 
Rispondi

 
Salva Segnala Stampa Esci Home